Aromaterapia: cos’è e come funziona
15 febbraio 2018
Il colpo di frusta. Come ci può aiutare l’osteopatia?
12 marzo 2018

pilates

Molte persone ci chiedono la differenza tra questi due pratiche. Cercheremo di spiegarla brevemente.

Iniziamo col dire che entrambi aiutano a correggere posture sbagliate, gesti ripetuti incorretti e posizioni squilibrate. Queste sono le condizioni che possono creare problematiche muscolari, vertebrali e articolari.

La ginnastica posturale prevede l’esecuzione di esercizi necessari a reinsegnare al corpo le posture da assumere quotidianamente per poter eseguire i movimenti in maniera corretta.
Questa ginnastica non è solo per chi ha già delle patologie come protrusioni discali o scoliosi, ma soprattutto per prevenire questi e altri disturbi.

Il Pilates, invece, ha come scopo principale il rafforzamento dei muscoli, soprattutto quelli pelvici, addominali e dorsali, ma anche il lavoro su spalle, pettorali e gli arti inferiori e superiori. Inoltre aiuta a sviluppare elasticità e ottenere una migliore consapevolezza del corpo.

Principali differenze:

  1. Il Pilates allena i muscoli profondi, mentre, la ginnastica posturale prevalentemente quelli più superficiali.
  2. Nel Pilates è molto importante la respirazione per sostenere il corpo durante la pratica. Nella ginnastica posturale, invece, la respirazione addominale aiuta a rilassare i muscoli e, di conseguenza, ad allungarli.

 

0